venerdì 28 gennaio 2011

Andare in letargo

Sono sbocciati anche i giacinti bianchi. Anche se non c'è più il sole.

Questo cielo grigio mi mette malinconia. Io che speravo in una primavera anticipata... E invece sono di nuovo qui a studiare di fianco alla stufa a legna, con un sonno prepotente che mi chiude gli occhi e il bisogno fisico di uscire a fare due passi con qualcuno, non importa chi, e sentire il sole tiepido sulle guance.

Lunedì sarò a Torino, nella speranza di trovare il tanto sospirato appartamento che finalmente mi strapperà dalle spietate grinfie di Trenitalia, dei treni perennemente in ritardo e delle carrozze senza riscaldamento. Forse questa volta sarà quella buona, forse sarò io a far arrivare la primavera cambiando finalmente tutto.
E' dalla scorsa estate che mi ripeto che, una volta a Torino, la mia vita sarebbe cambiata radicalmente. Ora devo solo avere il coraggio di fare il salto.

Sto ancora pensando alla piega che voglio dare a questo blog, perchè è evidente che non interessa a nessuno quando fioriscono i miei giacinti o se vedo una coccinella passeggiare sul vetro della finestra. Purtroppo temo di non avere molto altro da raccontare...

Nessun commento:

Posta un commento

Perchè non mi lasci un saluto?