sabato 12 marzo 2011

Il profumo del burro e del mare d'inverno

Anche oggi una foto della Francia, Antibes se vogliamo fare i precisi. Questo più che altro perchè ho dimenticato a Torino la macchina fotografica. Ma anche perchè amo questa immagine, scattata quasi per caso mentre ero letteralmente immersa in quella grande statua.

Oggi è uno di quei giorni nei quali mi prendo una pausa da me stessa, esco a comprare il burro (che a casa mia non c'è mai) e sforno teglie su teglie di biscotti dalle forme carine che generalmente mangio per due giorni e poi dimentico. Uno di quei giorni che, come mi ha insegnato la mia biondissima prima insegnante di cucina, diventano migliori grazie al profumo che si spigiona aprendo il forno, a quello del the nella tazza gialla, a quello del fumo della stufa a legna.

Ero triste fino ad un minuto fa, triste senza motivo. E' curioso come i messaggi ti cambino il verso della faccia in meno di un secondo.

Domani ci sarà la fiera, incontrerò delle amiche che non vedo da tempo, alcune che non ho nemmeno mai visto di persona. Domani farò le foto ai biscotti.

Questo blog non ha preso nessuna piega alla fin fine, è un semplice blog, come tutti gli altri. Ma nonostante tutto mi piace, mi piace scrivere ascoltando la musica per isolarmi dal mondo, come facevo anni fa. Certo è che, crescendo, ci ho guadagnato in classe.

Forse mi illudo, ma oggi ho fiducia nei sorrisi, di quelli che portano la luce tiepida sulle fossette.

1 commento:

  1. Le pause da se stessi sono sempre una delle cose migliori che qualcuno possa fare.
    Spero di vederti il prossimo we :)

    RispondiElimina

Perchè non mi lasci un saluto?