domenica 12 giugno 2011

Emozione da numeri vertiginosi e profumi delicati

Svegliarsi col profumo del pane è qualcosa di magico. Andare a dormire sapendo che il mattino dopo ti sveglierà il profumo del pane forse lo è ancora di più.

E poco importa se sono bloccata qui davanti ad un saggio troppo difficile al quale mancano anche delle pagine e non sono altrove, e non sono a Roma. Ci sono i numeri che corrono tra i tg e i giornali on-line, la telefonate di un'amica. E c'è qualcosa di simile ad una promessa. E allora sono felice.

La pressione per gli esami aumenta con le ore di studio e l'estate, per quanto si stia avvicinando, non sembra ancora a portata di mano.

Oggi non riesco a scrivere un granché, la concentrazione più che essere altrove non c'è proprio, portata via dal pane e dalle promesse.

Volevo ringraziare tutti coloro che passano dal mio blog. In questi giorni ho avuto tantissime visite e non avete idea di quanto questo mi renda felice. Prometto che, quando avrò un po' di tregua dagli esami scriverò un post degno di questo nome, davvero.

2 commenti:

  1. Hai proprio ragione: svegliarsi con il profumo del pane è magnifico. Una mia amica viveva proprio sopra un panificio e durante l'estate, andavo spesso a trovarla la mattina per godermi un po' di quel profumo anch'io.

    un caro saluto

    RispondiElimina
  2. Wow, immagino che meraviglia vivere sopra un panificio!
    Grazie per essere passata ^^

    RispondiElimina

Perchè non mi lasci un saluto?